A Young to Young giovani cuori e antiche passioni

Nella giornata di apertura di Vinitaly 2017, si è tenuta la degustazione Young to Young, organizzata da Paolo Massobrio e Marco Gatti. Tre giovani produttori hanno incontrato i nuovi volti della comunicazione sul web, raccontando la loro storia attraverso un vino in assaggio. Passione, entusiasmo e spontaneità quello che hanno trasmesso Marina D’Ambra di Casa D’Ambra, Alessandra Marcoz di La Crotta di Tanteun e Marietta e Riccardo Bianco di Mongioia. Si parte da un vino del mare, con il Biancollella 2016 di Casa D’Ambra, prodotto a Ischia da vigneti panoramici che si affacciano sul Tirreno. Iodato e salmastro, racchiude tutta […]

Continue Reading

Champagne, una questione di stile

Giornalista e curatore della guida Grandi Champagne, Alberto Lupetti è un italiano che piace molto ai francesi, e già questo lo rende interessante a prescindere. E’ di Roma, ma nella regione del mito mondiale delle bollicine è praticamente di casa. Per Ais Padova ha condotto, insieme ad Alessandro Scorsone, la serata Masterclass Champagne dedicata a Taittinger, celebre Maison di Reims. Lo Champagne è percepito come un bene di lusso, ma come dice Lupetti è un vino costoso, non caro. La sua magia sta tutta nella combinazione irripetibile fra latitudine estrema, un suolo unico al mondo e la capacità, maledettamente francese, […]

Continue Reading

Artigiani e bohémien lungo la Via Emilia del vino

Da Casteveltro a Faenza per seguire Terre di Vite e Back to the Wine, sotto il manifesto di artigiani, etica e territorio. Ascrivibili entrambe al movimento underground del vino, circuito seguito da un pubblico anticonvenzionale e sempre più giovane. Qui spesso si fanno scoperte interessanti, perché trovano spazio anche piccole cantine e l’atmosfera ha sempre qualcosa di bohémien, cosa che conferisce grande fascino ai personaggi presenti. Seguendo questi eventi si riscontra una progressiva messa a fuoco dello stile di molti vini. Se qualche tempo fa si poteva obbiettare che i cosiddetti vini naturali fossero difficili da bere, ora pulizia e bevibilità sono […]

Continue Reading

Merano Wine Festival 2016, i coup de coeur di quest’anno

Affollatissimo e sempre più mondano, il Merano Wine Festival è un appuntamento quasi immancabile, tanto da spingere i presenzialisti del vino a fornire giustificazioni in caso di assenza. Sì perché oltre alla solita parata di meraviglie enologiche, con tante e diverse rarità estere in un paese ancora così protezionista come l’Italia, dentro le sale del Kurhaus si ritrovano i volti più noti del mondo del vino. L’atmosfera è assolutamente glamour, e le relazioni sociali sono intense e impegnative quasi quanto gli assaggi dei vini. L’oggetto più indispensabile, oltre al calice, è infatti lo smartphone. Non solo per fotografare le etichette […]

Continue Reading

A Rovigoracconta un percorso sul vino alla fine del mondo

  Si sa, il vino è l’istantanea di un territorio. Mezzo narrativo fatto del riverbero di immagini e ricordi, tutto conservato dentro una bottiglia. Così, trovandomi a organizzare un evento per l’edizione 2016 del festival culturale Rovigoracconta, ho ideato una degustazione in cui il vino è diventato la metafora di un viaggio verso gli angoli più suggestivi del nostro continente. Estremi geografici legati a miti e leggende, simboli di quel bisogno ancestrale di esplorare l’ignoto, per superare un limite che non è solo fisico, ma spirituale. Salento, Galizia e Delta del Po sono stati perciò i protagonisti di un racconto […]

Continue Reading

Mongioia nel cuore

Il souvenir di oggi proviene dal Piemonte, da quella magnifica zona a sud della regione chiamata “le Langhe del Moscato”. Mongioia è una piccola azienda, un tesoro prezioso che porta a livelli impensabili e straordinari il Moscato d’Asti. Arrivare a Santo Stefano Belbo, in provincia di Cuneo, significa innanzitutto rendersi conto che ci si trova in una posizione eccezionale: si è nella culla del moscato bianco, ma in soli venti minuti si arriva a Barbaresco e in poco più ad Alba. Il panorama è da cartolina e, in una prima mattina autunnale, quasi onirico per il sottile velo di nebbia. […]

Continue Reading

Redondel e il Teroldego

Ci sono varie possibilità per affrontare una tornata di vini e di vignaioli come si trovano alle varie manifestazioni vinicole: solitamente io parto, lancia in resta, con un piano di battaglia che prevede un percorso mirato, studiato minuziosamente nei più piccoli dettagli produttivi ed enografici. Manco si trattasse di preparare Austerlitz, insomma. E infatti tutta questa fine strategia si traduce sistematicamente in un girovagare random tra i vari banchi, attratto in maniera estemporanea da un’etichetta, una parola di un produttore, un bagliore emesso da un vino dentro il calice. Non ha fatto eccezione l’ultima edizione di Viniveri, il salone di […]

Continue Reading

Ricerca di un’identità – il Pinot nero

Il 23 Marzo, all’enoteca Verovino a Treviso, si è tenuta un’istruttiva degustazione alla cieca a tema “pinot nero”. Per capire meglio l’identità varietale di questo vitigno che si divide tra l’identificabile e l’inafferrabile, sono stati inseriti, tra i sei, due intrusi, scelti tra vini spesso identificati come “pinotteggianti”: un Barbaresco e un Nerello mascalese. Scelta fatta non per mettere alla prova i dieci amici provenienti da tutto il Veneto, ma piuttosto per capire chi abbia ragione tra chi sostiene che questo vitigno possieda un’impronta inconfondibile e chi il contrario, cioè che sia talmente “mutevole” nelle sue espressioni che l’unico aiuto derivi […]

Continue Reading

DUEDEI, LE BOLLICINE NATE DA UN SOGNO

Lungo la Via del Sale che collega Trapani a Marsala, immerse nel sole e nell’aria carica di iodio, si trovano le vigne di Grillo che Roberto Tranchida segue meticolosamente. Il mare è vicinissimo e lo si può vedere bene di fronte alla Laguna dello Stagnone, in un paesaggio disegnato dall’antica tradizione del lavoro nelle saline. Siamo in Sicilia, al centro del Mediterraneo, qui le uve maturano concentrando tutti i profumi e il fascino di questo mare. Zagara e rosmarino, mandorla e pomodori secchi, resina ed echi salmastri sono i riverberi a ogni assaggio. Il tratto che subito emerge è la […]

Continue Reading

Durello, per brindare a un incontro

Se mai Peppino di Capri dovesse fare un remix di uno dei suoi brani più celebri, credo che non ci sarebbe nulla da obiettare riguardo la sostituzione del vino del titolo. La conferma è arrivata durante un interessante evento promosso da Marcato, Durello Mon Amour, tenutosi il 1 febbraio presso il Golf Club Colli Berici e volto a confrontare lo spumante Metodo Classico di casa con celebri colleghi d’Oltralpe e non solo, per farne emergere le peculiarità stilistiche e territoriali. Il Durello sta vivendo un momento particolarmente favorevole, sulla scia di altre bollicine nostrane, tant’è che è ormai riduttivo parlarne […]

Continue Reading